Skip to content

Atene 440 a.C. circa

Col progredire delle conoscenze archeologiche e lo svilupparsi di tecnologie editoriali sempre più efficaci, il convincimento neoclassico, e di Johann Joachim Winckelmann in particolare, che la scultura e l’architettura greca fossero prive di colore, andò rapidamente sgretolandosi. Tra i primi studiosi ad abbracciare l’idea di una decorazione plastica greca, fortemente improntata alla policromia, vi fu Gottfried Semper, le cui ricostruzioni grafiche sono diventate un classico nel loro genere.

In alto: Gottfried Semper (su disegno di), Ricostruzione della trabeazione del Partenone (particolare), 1836, litografia, cm. 58 x 40,5, da G. Semper, Die Anwendung der Farbe in der Architektur und Plastik, Dresda, 1836. 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *