Skip to content

Categoria: Lazzarato, Marco

Arte celtica / Marco Lazzarato

Nel suo libro più importante, Maometto e Carlomagno, lo storico belga Henri Pirenne (1862-1935) sostiene la tesi della continuità culturale, commerciale e sociale del mondo tardoromano, anche dopo la caduta dell’impero d’occidente e la conseguente fine dell’unità politica [1]. Su tale base poggiò la cristianizzazione dei territori posti oltre il…

Lascia un Commento

Oltre Mondrian / Marco Lazzarato

A dispetto delle sue furenti teorizzazioni ornatofobiche, il secolo scorso ha sviluppato nella pratica una autentica decorazione moderna. L’immagine dei quadrati di Piet Mondrian è presente nella nostra memoria sotto forma di copertine di riviste, bombolette di lacca per capelli e tappi di marmellata. A loro volta, gli stilemi dell’astrazione…

Lascia un Commento

Orpello ed ornato / Marco Lazzarato

Ogni manufatto nasce da una funzione originaria, cioè la necessità primaria per cui viene prodotto, ha una funzione propria, cioè riceve una data forma per uno specifico utilizzo, e assume poi una funzione civile, cioè un aspetto conveniente per essere accettato dal gruppo sociale cui è destinato. Fatta eccezione per…

Lascia un Commento

Una questione delicata / Marco Lazzarato

Corridietro è il nome del classico motivo a onde diffusissimo in epoca romana, soprattutto come ornato pavimentale, e molto usato anche in epoche successive. Nella sua versione più ricca, esso è costruito con due serie di spirali di Archimede che si sviluppano a specchio, scorrendo su un asse centrale. Caratteristica…

Lascia un Commento

Street Art e accattonaggio culturale / Marco Lazzarato

Nella lingua italiana, spesso e volentieri l’uso di termini anglosassoni permette di sottrarre le parole alle loro aree semantiche tradizionali, impedendo ogni seria valutazione in merito alle cose di cui si sta parlando. Se dico Arte di strada, il riferimento semantico è all’arte da fiera di paese, la cui figura…

Lascia un Commento

Libri / Roberta Reali, I taccuini di Giovanni e Vittorio Biasin / Marco Lazzarato

Giovanni Biasin (Venezia 1834 – Rovigo 1912) e il figlio Vittorio (Venezia 1860 – Rovigo 1926) furono entrambi decoratori operanti a Rovigo, dove realizzarono sia importanti decorazioni nei palazzi cittadini, sia opere da cavalletto a soggetto naturalistico e politico, con particolare attenzione ai temi risorgimentali. Una recente pubblicazione ha focalizzato…

Lascia un Commento