Skip to content

Fare Decorazione Posts

L’arte come banalizzazione e come falsificazione di se stessa / Vasilij Kandinskij

Con questo titolo redazionale pubblichiamo un breve passo da Lo spirituale nell’arte di Vasilij Kandinskij. Ci pare utile rileggerlo oggi, per la puntualità con cui un grande artista indica le due derive cui l’arte è sempre esposta. Lasciando intendere che la prima, quella dell’appiattimento sulla realtà, porta ad una limitazione…

Lascia un Commento

Il costo del lavoro / Marco Lazzarato

Oggi, al passaggio di testimone tra il secondo e il terzo millennio e, dunque, all’appuntamento con una resa dei conti epocale, il tema della contrattualità, cioè dei compensi che il mercato del lavoro riconosce alle diverse categorie produttive, richiede un ragionamento approfondito e non banale. Innanzitutto: perché l’industria produce oggetti…

Lascia un Commento

L’ornamento: oneri e onori / Enrico Maria Davoli

“Se io pago per una scatola liscia lo stesso prezzo che pago per una ornata, la differenza si ritrova nel tempo di lavoro occorso all’operaio.” L’aggettivo “liscio” (inteso come levigato, vuoto, privo di segni o asperità, dunque non ornato) è una delle parole-chiave di Ornamento e delitto. Quasi un talismano,…

Lascia un Commento

Bisonti e quadri / Marco Lazzarato

Tra le azioni primarie attraverso cui l’uomo dichiara la propria identità vi è, da sempre, la produzione di immagini: di sé, del proprio mondo, delle proprie divinità. Primo e più classico esempio di questa “discontinuità ontologica” (la definizione è di Jacques Maritain) rispetto a tutte le altre specie viventi, è…

Lascia un Commento

Per un museo di pittura, Arte a credito / Jean Clair

I due brani che seguono sono tratti dal saggio di Jean Clair Critica della modernità, Torino, Allemandi, 1984, nella traduzione di Francesca Isidori (edizione originale francese: Paris, Gallimard, 1983). Nell’edizione Allemandi i due passi si trovano alle pagg. 21 e 107-109. I titoli con cui li presentiamo sono invece il…

Lascia un Commento

Superstizioni

A cosa servono le superstizioni? Un illuminista settecentesco risponderebbe più o meno in questo modo: “A far percepire fatti storicamente e scientificamente spiegabili come realtà sovrannaturali, da accettarsi così come appaiono”. Tipico esempio di superstizione d’oggi, dove il folklore delle leggende metropolitane soppianta l’antico folklore agrario dei lupi mannari e…

Lascia un Commento