Skip to content

Categoria: Editoriali

Naïf oggi

Naïf : “ingenuo”, “innocente”, “originario”, “primitivo”, come recita il dizionario della lingua francese. In meno di centocinquant’anni, cioè da quando il Doganiere Rousseau iniziò a far parlare di sé e l’etichetta che avrebbe poi identificato un’arte sorgiva, non acculturata, era solo un appellativo attribuito con malcelata sufficienza, quella che abbiamo…

Lascia un Commento

Mosca-Venezia, sessant’anni dopo

Ramificata e complessa com’è, la storia della decorazione svela non di rado vicende dimenticate e, con esse, implicazioni sociali, economiche e politiche insospettabili. Una di tali vicende è quella che in URSS portò, morto Stalin nel 1953, all’emanazione del decreto sulla “liquidazione degli eccessi” (4 novembre 1955) voluto da Nikita…

Lascia un Commento

Pubblico e privato

Sempre più spesso, nella civiltà dei media interattivi e portatili, le dimensioni del “pubblico” e del “privato” s’intrecciano e collidono. Il panorama delle arti non fa eccezione: manca un dibattito serio, il dovuto rigore nel far corrispondere le parole alle cose. Se ne gioverebbero tutti quei contesti urbani che quotidianamente…

Lascia un Commento

Classicità, mondanità, senilità

Abbiamo più volte commentato certi atteggiamenti compulsivi, che fungono da lubrificante nel circuito del contemporaneo. Alcuni in particolare si ripresentano con regolarità tale da farli annoverare fra i tic e le manie, per non dire le nevrosi. Nell’insieme, essi sono riconducibili a tre grandi categorie, che testimoniano non libertà intellettuale…

Lascia un Commento

Expo e Antiexpo

L’Expo che si è appena chiusa a Milano ci ha parlato di un disordine mondiale in cui il senso dell’ordine, bussola della decorazione e dei relativi repertori ornatistici, è una risorsa preziosa. A questa risorsa hanno largamente attinto i paesi fornitori delle materie prime indispensabili a sostenere i nostri livelli…

Lascia un Commento

L’invasione delle ultraicone

Il confronto con l’antico e in particolare col classico – cioè con quella tipologia di antico che trascende epoche e luoghi precisi per assurgere a modello canonico – è appuntamento ormai obbligato per gli esponenti delle correnti artistiche d’oggi, nei loro vari canali espressivi: dal multimediale all’installativo all’ambientale al fotografico.…

Lascia un Commento