Skip to content

Mese: novembre 2017

Perché il “New Yorker” riscrive i propri articoli?

Ha fatto discutere, sui media italiani, l’editoriale uscito sul New Yorker del 5 ottobre scorso col titolo: “Perché in Italia ci sono ancora così tanti monumenti fascisti?”. Meglio sorvolare sulle inesattezze e falsità che contiene, tanto più che l’autrice, Ruth Ben-Ghiat, docente di History and Italian Studies alla New York…

Lascia un Commento

Muri ai pittori / Corrado Cagli

Parlare in Italia di pittura murale, implica un riferimento storico quasi obbligato. Alludiamo all’articolo Muri ai pittori, pubblicato da Corrado Cagli nel maggio 1933, sul primo numero della rivista milanese Quadrante. Artisti di tutto il mondo si cimentavano allora in contesti diversissimi di pittura murale, dal Messico postrivoluzionario, agli USA…

Lascia un Commento

L’arte in piazza / Marco Lazzarato

Sosteniamo da tempo che esistono un’arte “privata”, che opera sotto lo statuto della poetica e ne segue le regole, ed un’arte “pubblica”, che agisce invece sotto lo statuto dell’etica e ne rispetta le leggi. Questo assunto teorico ci si è presentato come concreta realtà con la partecipazione all’edizione 2017 della…

Lascia un Commento

Dozza, XXVI Biennale del Muro Dipinto / Enrico Maria Davoli

L’edizione 2017 della Biennale del Muro Dipinto di Dozza (BO) è stata curata, come sempre, da una commissione voluta dall’Amministrazione Comunale e dalla relativa Fondazione. Oltre allo scrivente, a Pier Luca Nardoni e al direttore dell’Accademia di Belle Arti di Bologna Enrico Fornaroli, in qualità di componenti esterni, ne hanno…

Lascia un Commento

Mostre / LVII Biennale di Venezia, Padiglione Nuova Zelanda

Mentre Viva Arte Viva, la mostra curata da Christine Macel che ha dato il titolo alla Biennale 2017, non verrà ricordata a lungo, le varie partecipazioni nazionali hanno offerto, come sempre, qualche bella sorpresa. Tra le migliori si segnala la Nuova Zelanda, con la personale di Lisa Reihana dal titolo…

Lascia un Commento