Skip to content

Mese: maggio 2016

Pubblico e privato

Sempre più spesso, nella civiltà dei media interattivi e portatili, le dimensioni del “pubblico” e del “privato” s’intrecciano e collidono. Il panorama delle arti non fa eccezione: manca un dibattito serio, il dovuto rigore nel far corrispondere le parole alle cose. Se ne gioverebbero tutti quei contesti urbani che quotidianamente…

Lascia un Commento

Street Art e accattonaggio culturale / Marco Lazzarato

Nella lingua italiana, spesso e volentieri l’uso di termini anglosassoni permette di sottrarre le parole alle loro aree semantiche tradizionali, impedendo ogni seria valutazione in merito alle cose di cui si sta parlando. Se dico Arte di strada, il riferimento semantico è all’arte da fiera di paese, la cui figura…

Lascia un Commento

Muralismi a Reggio Emilia / Enrico Maria Davoli

Nel corso dei due ultimi anni, la città di Reggio Emilia ha assistito al compiersi di due eventi di pittura murale, di gusto e di livello molto diversi tra loro: il primo fallimentare e fuorviante, il secondo sorprendentemente ben elaborato e condotto. Il caso ha voluto che le vie elette…

Lascia un Commento

Modellare con il pennello / Beatrice Giannoni

Il mestiere del decoratore e quello del pittore da cavalletto comportano tecniche apparentemente identiche ma spesso, alla prova dei fatti, diametralmente opposte. Al cavalletto, il disegno è quasi sempre ridotto in scala e realizzato a mo’ di schizzo modificabile in corso d’opera; in decorazione tutto dev’essere concepito in scala 1:1,…

Lascia un Commento

Mostre / Street Art, Bologna; William Kentridge, Roma

Sono ormai quarant’anni che, utilizzando filtri critici diversi ma sostanzialmente convergenti, si parla del fenomeno dei dipinti eseguiti sulle pareti e sui vari supporti (tabelloni pubblicitari, vetture ferroviarie, cantierizzazioni edili, sottopassi) che il contesto urbano mette a disposizione di chi si munisce di bombolette, pennarelli ed altri strumenti di scrittura…

Lascia un Commento

In ricordo di Khaled al-Asaad (1932-2015)

Non è facile imbattersi in figure esemplari, eroiche nel senso profondo del termine, ed è comunque raro che si venga a sapere di loro e del loro operato. Una di queste figure è senza dubbio l’illustre archeologo siriano Khaled al-Asaad, direttore dal 1963 al 2003 dei servizi archeologici dell’antica città…

Lascia un Commento